Pubblicato da: manola3 | 2 giugno 2010

Spendere per il canile è immorale


Voglio bene agli animali, ma in questo momento di crisi ritengo ci siano altre
priorità che non realizzare il canile di Dese. Il parroco don Enrico Torta
domenica dall’altare è intervenuto sulla questione rifugio per cani e
avvisando i fedeli che fuori, sul sagrato, si poteva firmare la sottoscrizione
per il mantenimento del canile a San Giuliano, non ha omesso di spiegare il suo
pensiero ai parrocchiani. Adesso – sottolinea – c’è gente che non sa come
tirare la carretta, ci sono persone senza lavoro, che si ammazzano per portare a
casa la pagnotta. Non sono certo contro l’obiettivo di dare un nuovo rifugio ai
cani, ma ritengo che in questo particolare momento storico avviare un simile
cantiere spendendo denaro è molto sbagliato. Non accetto che si pensi agli
animali quando ci si dimentica delle persone che sono più importanti, lo trovo
immorale.  Don Enrico ne fa una questione di principio e visto che
l’amministrazione comunale non naviga nell’oro, al sacerdote la scelta sembra
discutibile. Detto questo, il parroco ha lasciato piena libertà ai cittadini di
sottoscrivere o meno la petizione. Domenica mattina di firme ne sono state
raccolte un centinaio: il gruppo di abitanti che porta avanti la sottoscrizione
nonchè una lettera indirizzata al sindaco e all’assessore all’Ambiente ha
consegnato ciclostilati anche ai commercianti e ai negozianti della zona. La
petizione è nata sulla scorta dell’illustrazione da parte dei tecnici
dell’Ufficio ambiente del progetto definitivo del rifugio per cani, dove sono
emerse alcune criticità. Il progetto però è in fase avanzata: nell’area in
questione sono già quasi terminati i carotaggi. Il sito destinato al nuovo
canile – si legge nella petizione – risulta notevolmente decentrato rispetto al
centro città e non è servito da mezzi pubblici. E’ relativamente vicino ad un
piccolo centro abitato di circa 80 famiglie per le quali il progetto non ha
contemplato alcuna verifica acustica. Il prolungarsi dei tempi oltre alla
perdita dei finanziamenti legati all’area di Ca Solaro condizionano le sorti
del canile, mentre la più facile soluzione avrebbe permesso l’adeguato restauro
dell’attuale con definitiva sistemazione dei 450 animali presenti.

E già, perchè sprecare il proprio tempo cercando di aiutare dei cani che prima avevano una casa e un padrone ?????
Meglio spendere i soldini nel restauro di qualche chiesa magari ………
Gli animali sono animali, cavie perfette perchè non parlano …. già già ……

 

Responses

  1. Xkè, la sofferenza gratuita di nostri simili animali ed il nostro egoismo, sono forse morali ?!Io l\’ho sempre saputo, da quando frequentavo scuole & collegi clericali, ke preti & suore fossero tra le peggio razze nel Mondo ed evidentemente, non mi sbagliavo !!!Ne ho sentite tante di storiaccie, in cui i preti non sanno cosa sia la compassione ed il vero amore verso i propri simili, ma con orrore vedo ke non finiscono mai di disgustarmi !!!

  2. Bisogna insegnare a certi presunti dottori della fede che gli animali sono i nostri "fratelli più piccoli", per citare un termine del Vangelo. Io purtroppo, come tanti, lotto ogni giorno contro questa dottrina dell\’essere di serie A e dell\’essere di serie Z. Siamo tutti quanti creature di Dio e dobbiamo portarci lo stesso rispetto l\’un l\’altro. Non sopporto chi dice che gli uomini vengono prima degli animali, ma purtroppo é una convinzione diffusa.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: